Formula SAE

LUniversità…in pista!

Avete mai visto studenti universitari progettare delle monoposto?


La Formula SAE è una competizione internazionale riservata agli studenti universitari, organizzata dalle principali associazioni nazionali di ingegneri e tecnici dell’automobile. La competizione prevede la progettazione e la realizzazione, da parte degli studenti, di vetture da corsa di tipo “formula” le cui capacità e prestazioni vengono valutate mediante un punteggio ottenuto sulla base di due tipi di prove: ”Eventi Statici” ed “Eventi Dinamici”.

Durante gli eventi statici, gli studenti sono chiamati ad illustrare ai giudici il progetto della propria vettura che viene valutato sia dal punto di vista prestazionale/tecnologico (Design), che dal punto di vista dei costi per la sua realizzazione (Cost Analysis) e infine è prevista la preparazione di un piano industriale e finanziario (Business Presentation).

[cml_media_alt id='318']brochure 1[/cml_media_alt] Gli eventi dinamici mettono invece a confronto le reali prestazioni della vettura, che partecipa su pista a prove di:

  • (Acceleration) Accelerazione su 75m;
  • (Skid Pad) Prova di tenuta laterale in curva;
  • (Autocross) Giro veloce;
  • (Endurance & Fuel Economy) Gara su 22Km dove le prestazioni, l’affidabilità e i consumi sono messi a dura prova;

Lo spirito della competizione ha un notevole effetto formativo sui partecipanti, i quali possono integrare le conoscenze teoriche acquisite negli anni di studio con competenze e capacità pratiche, più vicine al modus operandi tipico del mondo dell’industria.

[cml_media_alt id='352']brochure 2+3[/cml_media_alt]

Dal 1981, anno di nascita della competizione, l’interesse del pubblico e degli addetti ai lavori è cresciuto a dismisura: l’edizione 2013 della Formula Student, svoltasi dal 3 al 7 Luglio sul circuito di Silverstone (UK), ha registrato quasi 15000 presenze tra partecipanti, giudici, commissari, rappresentanti delle istituzioni e delle case automobilistiche, espositori e spettatori. Attualmente vi sono al mondo 567 team, ed il loro numero è in continuo aumento. Di questi 565 team, ben 228 sono europei e 17 sono i team di Università italiane.

[cml_media_alt id='321']brochure 4[/cml_media_alt]

Foto di insieme di tutti i team che hanno partecipato all’evento di Formula Student Silverstone 2013 UK (foto concessa da IMechE, diritti riservati)

La Formula SAE Series si articola in una serie di eventi, indipendenti l’uno dall’altro, diffusi sui cinque continenti, a ciascuno dei quali partecipano generalmente da 60 a 140 team. Gli eventi ufficiali, sono:

  • Formula SAE Lincoln, Lincoln Airpark (NE – USA)
  • Formula SAE Michigan, Detroit, USA
  • Formula SAE Electric, Nebraska, USA
  • Formula Student, Silverstone, UK
  • Formula Student Germany, Hockenheim, Germany
  • Formula SAE Italy, Varano de’Melegari, Italy
  • Formula SAE Australasia, Melbourne, Australia
  • Formula SAE Japan, Suzuka, Japan
  • Formula SAE Brazil, ECPA, Brazil
[cml_media_alt id='322']brochure 5[/cml_media_alt]

I team di Formula SAE nel mondo.

Le location in cui si svolgono gli eventi sono di per se un indice del prestigio che questa competizione possiede e come questa sia tenuta in grande considerazione dalle principali aziende internazionali attive nel campo automotive e non, le quali sponsorizzano sia la competizione stessa che i singoli team. Tali aziende tengono infatti in grande considerazione l’esperienza e le competenze che gli studenti acquisiscono partecipando a questa manifestazione e si rivolgono sovente ai team di Formula SAE come bacini preferenziali per il reclutamento di nuovo personale. Vi sono addirittura esempi di aziende che inseriscono la partecipazione alle competizioni Formula SAE tra i requisiti obbligatori per i candidati in numerose posizioni.

Un’altra prova dell’importanza di questa competizione è rappresentata dalla partecipazione, in veste di giudici e commissari, di personaggi di spicco del mondo automotive, quali Ross Brawn, Pat Clarke, Aldo Costa, Sergio Limone, Evan Short, Giancarlo Minardi, Giampaolo Dallara, Andrew Deakin ed altri, che è normale incontrare nei paddock durante la manifestazione.

Il crescente interesse verso questa competizione, considerato anche il notevole contributo formativo sui futuri ingegneri, ha fatto si che negli anni siano nate una serie di altre manifestazioni e di eventi che, seppure non riportati tra quelli “ufficiali” nel regolamento F-SAE, si svolgono secondo le stesse modalità e con lo stesso regolamento.

[cml_media_alt id='326']Andrea de Adamich e Gian Paolo Dallara al Formula SAE Italy 2013 a Varano de’Melegari.[/cml_media_alt]

Andrea de Adamich e Gian Paolo Dallara al Formula SAE Italy 2013 a Varano de’Melegari.

[cml_media_alt id='325']Pat Clarke (a sinistra) discute con un membro del nostro team riguardo il differenziale semiattivo realizzato internamente al team.[/cml_media_alt]

Pat Clarke (a sinistra) discute con un membro del nostro team riguardo il differenziale semiattivo realizzato internamente al team.

[cml_media_alt id='327']Ross Brawn discute con un giudice.[/cml_media_alt]

Ross Brawn discute con un giudice.

[cml_media_alt id='324']Da sinistra a destra: Mike Gascoyne (ingegnere F1 in McLaren, Sauber, Tyrrell, Renault, Jordan, Toyota, Spyker, Force India e Lotus),  Leena Gade (ingegnere Le Mans in Audi, ambasciatrice FIA donne nel motorsport), James Ellison (ingegnere F1 in Benetton, Ferrari e Lotus),  Ross Brawn (ingegnere F1 in Benetton, Ferrari, Honda, Brawn GP e Formula Student Patron).[/cml_media_alt]

Da sinistra a destra: Mike Gascoyne (ingegnere F1 in McLaren, Sauber, Tyrrell, Renault, Jordan, Toyota, Spyker, Force India e Lotus), Leena Gade (ingegnere Le Mans in Audi, ambasciatrice FIA donne nel motorsport), James Ellison (ingegnere F1 in Benetton, Ferrari e Lotus), Ross Brawn (ingegnere F1 in Benetton, Ferrari, Honda, Brawn GP e Formula Student Patron).